Intervista su newscamp.it


Ci è giunta freschissima notizia di una interessante iniziativa che il Centro Caravan Costantini di Roma ha messo in piedi nell’ambito della produzione e commercializzazione di una nuova serie di van prodotti in proprio: EASY VAN.

Per saperne di più e per toccare con mano il risultato, siamo saliti sul primo aereo per Roma ed abbiamo intervistato il Dott. Vittorio Costantini, contitolare dell’intraprendente azienda romana.

D.: Dottor. Costantini vedo che vi state lanciando, con un accattivante marchio e logo, unito a un valido prodotto,  in una ambiziosa iniziativa, in un mercato già  affollatissimo e per lo più da grandi player a livello internazionale.  Aspirate forse essere un vittorioso Davide in mezzo a tanti Golia?

R.: Assolutamente no, non abbiamo davvero tale ambizione. Ovviamente non disponiamo  delle risorse produttive ed organizzative per competere su larga scala, anche se effettivamente non ci deve insegnare niente nessuno in termini di preferenze ed esigenze del pubblico, essendo oltre 40 anni che ci confrontiamo quotidianamente e direttamente con esso. 

La nostra scommessa nasce semplicemente per colmare un vuoto, anzi un doppio vuoto, che si è creato in questi ultimi anni, ovvero il disporre di  un prodotto ad un prezzo accessibile, dato l’usato quasi inesistente, e di rapida consegna, in un mercato dove i prezzi ormai volano oltre i 50/60mila euro e le consegne del nuovo arrivano in media a 12 ed in certi casi anche a 18 mesi.

D.: E nel vostro caso invece  di che cifre e tempi  parliamo? 

R.: Il nostro target, finora pienamente  rispettato,  è quello di non superare i 39/39mila e 500 euro su strada all’utente finale, per un prodotto di nuova realizzazione e per  consegne di normalissimi 60/90 gg, e per di più con possibilità nel frattempo di effettuare anche piccole personalizzazioni .

D.: E come sareste riusciti a realizzare questo piccolo/grande “miracolo

Beh dobbiamo innanzitutto ricordare che le nostre realizzazioni utilizzano dei furgoni già circolanti (da qui il fatto di non dipendere dalle problematiche delle case automobilistiche),  accuratamente revisionati e controllati, di pochi anni, e con poche decine di migliaia di chilometri, cosa questa che non costituisce affatto un problema essendo meccaniche come Fiat Ducato e analoghi Sevel (Citroen, Peugeot, ecc…)  progettate per durare 350/450mila chilometri, ovvero ben oltre il doppio della percorrenza media della intera vita di un veicolo ricreazionale, poi abbiamo una filiera ultracorta a chilometro zero, dove vengono del tutto cancellati i costi di intermediazione del concessionario (essendo noi stessi i produttori), di trasporto e di pubblicizzazione sui grandi media, facendo conoscere il prodotto tramite gli stessi canali del nostro storico centro, infine con la vendita diretta offriamo anche assistenza diretta e immediata senza dover  eventualmente spedire in fabbrica (spesso situata all’estero) il veicolo per la risoluzione di eventuali difetti (fortunatamente al momento da noi ancora mai riscontrati).

D.: Quali sono i vostri ritmi produttivi in relazione anche alla richiesta di mercato?

Attualmente procediamo ad una cadenza di un veicolo al mese che contiamo in breve di raddoppiare visto il successo avuto già con una pre-serie nel 2021, anche se già paventiamo che in piena stagione tali quantità saranno del tutto insufficienti. Per seguire il mercato dovremo produrne almeno uno a settimana o più, ma francamente per farlo dovremmo cambiare il nostro storico mestiere di concessionari.

TOP